La biblioteca digitale della letteratura italiana>>>Dal sito web www.letteraturaitaliana.net/

La biblioteca digitale della letteratura italiana>>>Dal sito web www.letteraturaitaliana.net/
Avvertenza Alcuni testi o immagini inserite in questo blog potrebbero essere tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

giovedì 2 ottobre 2014

Susanna Tamaro, “Ogni angelo è tremendo”

Susanna Tamaro, "Ogni angelo è tremendo"
Rubrica letteraria: 20 titoli di attualità e interesse recensiti da don Severino Cagnin.
4. Susanna Tamaro, "Ogni angelo è tremendo".
 

Susanna Tamaro, “Ogni angelo è tremendo”
Bompiani 2013 pagg. 258, e 16.50 €

“Un inno alla vita, nonostante tutto”

L’ultima opera della scrittrice, che a 56 anni vive da sola nel verde di Frascati, è la storia di una bambina, che diventa adulta. Nasce di notte a Trieste, mentre soffia una bora scura, che spazza via ogni cosa e rende ogni equilibrio impossibile. Cresce con un padre e una madre imprendibili , in una famiglia  in cui sembra soffiare quello stesso vento impetuoso e freddo.
Non dorme mai e fa a sé e agli altri molte domande, cui nessuno sembra voler o poter dare risposta.
Ma Ogni angelo è tremendo è anche la storia della  scoperta della terribile  bellezza del mondo di una bambina, che si fa ragazza e poi donna, e si apre ai sussulti dei poeti e degli scrittori, ai primi palpiti di amore e amicizia.
Quella bambina, quella ragazza, quella donna è Susanna Tamaro, che ci offre il suo libro più intimo e coraggioso, più appassionante e misurato, più forsennato e vitale.
 Il senso delle sue opere ci è rivelato alla fine dell’ultima nel ricordo della maestra Maria, l’amica del cuore della nonna,  “che se ne andò nel marzo 2011 a cento tre anni”. E poiché aveva quasi perso la vista, stava seduta tutto il giorno, davanti ala finestra, a fissare delle ombre lontane.
“Maria, come passa il tempo? - le chiese -, le giornate sono così lunghe!”. Lei si girò, la guardò a lungo, prima di rispondere, poi sorrise. “Benedico! Benedico tutti i miei scolari, soprattutto quelli che hanno più bisogno. Neppure un volto ho dimenticato”. Spalancò le braccia verso il cielo e disse: “E poi benedico la vita! Benedico gli alberi, le primule, la bora, le tortore e i passeri, i bambini, le erbacce! Perché tutto è santo, tutto e benedetto”.  
 
www.donboscoland.it

(L'autore) Recensioni autore: don Severino Cagnin

Nessun commento:

Posta un commento